×

Avviso

Non ci sono cétégorie
Omicidio di Torino: preso a Martinsicuro uno degli aggressori. La notte del 18 maggio scorso a Torino, a seguito di una sparatoria in strada, rimaneva gravemente ferito un giovane di colore di 24 anni. L’uomo,SECK Moussa,  immediatamente trasportato presso l’ospedale Molinette di Torino, morì poco dopo a causa di emorragia interna. La ricostruzione, agevolata dalle immagini di un impianto di videosorveglianza privato, parla di un’aggressione ad alcuni uomini di colore, verosimilmente dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti, da parte di un gruppo di persone dell’est Europa, albanesi o rumeni, a loro volta dediti allo sfruttamento della prostituzione. Il gruppo degli aggressori armati di mazze, coltelli e due pistole, sarebbe giunto a bordo di tre autovetture. A conclusione di un intensa attività investigativa la Squadra Mobile di Torino  a seguito di importanti elementi acquisiti effettuava il fermo di indiziato di delitto  nei confronti degli albanesi ARAPI Altin detto Chapi, classe 80, RROSHI Klaudio, classe 79, e SULA Elis, classe 90.Personale della Squadra Mobile di Teramo su indicazione dei colleghi di Torino, a conclusione di mirati servizi di osservazione e pedinamenti, ha rintracciato un quarto albanese che aveva partecipato all’agguato e che aveva trovato rifugio presso alcuni parenti in località Martinsicuro. L’uomo è stato identificato per AVDUL Paolo, nato ad Elbasan (Albania)  di  21 anni. Gli agenti di Teramo e Torino si sono introdotti nell'appartamento e lo hanno tratto in arresto il cittadino albanese con l'accusa di concorso in omicidio. wpid-questura-di-teramo1.jpg

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni