R+News Diretta Streaming

Diretta Live Streaming

chiudi
×

Avviso

Non ci sono cétégorie
"Ringraziamo vivamente Banca Tercas e la Provincia di Teramo per lo sforzo e l’impegno profuso negli ultimi sei mesi nell’intento di permettere ai due enti, l’uno commissariato e l’altro in dismissione, di sottoscrivere il miglior accordo possibile, relativo alla famosa anticipazione della CIG ai lavoratori. Purtroppo non basta, e non è ciò che i lavoratori aspettavano!" A scriverlo in una nota è il Segretario generale della Filca Cisl, Giancarlo De Sanctis. "Ed è proprio per questo che abbiamo incalzato la Provincia ed il suo Presidente Valter Catarra in questi ultimi sei mesi, perché l’accordo andava finanziato e sottoscritto a dicembre con l’ente in piena efficienza politico-organizzativa, e con validità per tutto il 2014, così come la Tercas si era impegnata a fare. Inoltre la parola “prorogare” vuol dire “differire, rimandare, posticipare” e non modificare, come è stato fatto relativamente ai requisiti di accesso all’anticipazione. Di fatto la proroga è solo per pochissimi fortunati in quanto prevede che accedano all’anticipazione coloro per i quali “le procedure di CIG risultino aperte entro il 30 giugno 2014”. E tutti gli altri?", prosegue la nota. E ancora: "Parliamo dei lavoratori che, ascoltate le parole del Presidente in risposta alle nostre sollecitazioni, attendevano tale dispositivo per poter stare in CIG e sopravvivere al posto di scegliere di essere licenziati; ora sanno che strada intraprendere in quanto vivere senza un euro per 8 mesi, è questo il tempo di autorizzazione di una CIGS e ancor più lungo quello per una CIG in Deroga, è impossibile per le casse di qualunque lavoratore dipendente. Se fosse stato convocato il più volte richiesto tavolo di concertazione tra le parti, o almeno se ci fosse stato detto ufficialmente qualche mese fa, avremmo provato a fare ciò che ora sembra essere un'unica cosa che ci resta da fare: rivolgere tale istanza, con tutta l’urgenza del caso, direttamente alla Regione Abruzzo, coinvolgendo tutti gli istituti finanziari interessati a sostenere lo scopo sociale dell’accordo. A questo punto, Presidente Catarra, le chiediamo di essere al nostro fianco, nei confronti della Regione Abruzzo, affinché l’accordo di anticipazione CIG del 19 luglio 2012 di Teramo, esteso alla Cig Ordinaria ed ai Contratti di Solidarietà, come da noi richiesto un anno fa, divenga un accordo regionale. L’accordo, in questi durissimi anni di crisi, ha aiutato migliaia di famiglie in difficoltà a mantenere il posto di lavoro in attesa di tempi migliori; se ci ha creduto nel sottoscriverlo, come ci abbiamo creduto noi nel proporlo e divulgarlo fra tutti i lavoratori, allora deve sostenere questa battaglia la nostro fianco". banca-tercas  

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni