×

Avviso

Non ci sono cétégorie

BANCAPOPOLARECon la richiesta di costituzione di una ventina di azionisti come parti civili è cominciato dinanzi al Tribunale di Bari il processo nei confronti di Marco e
Gianluca Jacobini, padre e figlio, rispettivamente ex presidente ed ex condirettore della Banca popolare di Bari. Agli imputati, agli arresti domiciliari dallo scorso 31 gennaio, sono contestati a vario titolo i reati falso in bilancio, falso in prospetto e ostacolo alla vigilanza. Il procedimento riguarda la presunta malagestione dell'istituto di credito barese, commissariato da Bankitalia il 13 dicembre 2019. Nella prima udienza del processo, che su istanza della difesa è stato preliminarmente rinviato al 16 luglio, anche la stessa banca ha chiesto di costituirsi parte civile. Alcuni azionisti ne hanno invece chiesto la citazione come responsabile civile.
"Si è trattato di una udienza ponte, nella quale non si è entrati minimamente nelle questioni tecnico-giuridiche" ha dichiarato a margine l'avvocato Francesco Paolo Sisto,
co-difensore di Marco Jacobini con il collega Giorgio Antoci, spiegando che "si dovrà anche verificare la possibilità logistica di tenere l'udienza in questo palazzo o nell'aula di
Bitonto. Lo vedremo nella prossima udienza in base al numero delle parti e delle persone presenti" affinché, per le misure Covid, "il processo si possa celebrare in condizioni di sicurezza per la salute e non soltanto giuridica". Gianluca Jacobini è difeso dagli avvocati Guido Carlo Alleva e Giorgio Perrone. La posizione dei due imputati è stata stralciata, con richiesta di giudizio immediato, dall'inchiesta principale che coinvolge complessivamente altre sette persone, ex amministratori e dirigenti della banca, tuttora in corso. Gli accertamenti, delegati alla Guardia di Finanza, sono coordinati dal procuratore aggiunto Roberto Rossi e dai sostituti Federico Perrone Capano e Savina Toscani.

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni