×

Avviso

Non ci sono cétégorie

WhatsApp_Image_2020-07-03_at_13.31.39.jpeg

Le definisce accuse infamanti quelle fatte da Teramo 3.0 in una nota inviata ad una parte della stampa che parlava e denunciava l'assunzione del fratello del Sindaco che lavora da sempre nel settore sociale:«non ho mai alzato un dito per un mio familiare, la raccomandazione non è una mia prassi. Mio fratello lavora solo per suo merito e non permetto a nessuno di infangarlo. Chiedo scusa a mio fratello per aver scelto di non aiutarlo mai e di lasciarlo al suo merito. Sono orgoglioso della vita che da solo mio fratello sta costruendo con grandi difficoltà».

«Poi la strumentalizzazione della cooperativa che gestisce il lavoro in piena autonomia. Non è una partecipata è un tema diverso. Se qualcuno pensa di intimorirmi attivando la macchina del fango per impedirmi di fare quello che abbiamo messo in campo se lo puo' scordare. Continuero' ad andare avanti sempre».

ASCOLTA QUI IL SINDACO DI TERAMO

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni