×

Avviso

Non ci sono cétégorie
"Il Pd di Campli parla delle risorse per il Museo di Arte Sacra come Mussolini faceva dei suoi carrarmati: c'erano, per carità, ma erano sempre gli stessi. Invece di arrogarsi meriti che non hanno, alcuni ex amministratori dell' ex Giunta
Giovannini si mettano l' anima in pace. Nel 2009 hanno preso un museo chiuso e chiuso lo hanno riconsegnato ai camplesi nel 2014. Ad inaugurarlo finalmente sarà il Sindaco Pietro Quaresimale, grazie ad un lavoro che nessuno mai ha svolto per Campli e i camplesi". Così Pietro Adriani, Coordinatore del Nuovo Centrodestra di Campli in merito alle risorse stanziate dalla Regione per il Museo di Arte Sacra e il recupero del Convento di San Berardino. " I fondi per l'apertura del Museo di Arte Sacra c'erano già. Sono gli stessi 500.000 euro stanziati per Campli dalla giunta Chiodi. L'unicoelemento di novità è lo scorporo tra le risorse destinate al Museo di Arte Sacra e quelle per il Convento di San Berardino. Le risorse quindi ci sono e c'erano. Ai fini dell'apertura del Museo, a fare la differenza - sottolinea Adriani - è stato l' impegno, il lavoro di coordinamento svolta da Sindaco Giunta comunale con Regione e Sovrintendenza che finalmente ha visto nel Comune di Campli un interlocutore affidabile, autorevole e impegnato nella
valorizzazione del patrimonio culturale e nel rilancio turistico, come dimostra la presenza alla Bit e ad Expo. Senza dimenticare l' impegno del Prof. Ricci, a cui tutti i camplesi devono essere grati, e la collaborazione con Vittorio Sgarbi che ha ulteriormente accelerato il progetto. Si tratta di risultati sotto gli occhi di tutti, tranne di coloro che del Museo di Arte Sacra sono stati capaci di occuparsene, oggi come ieri, solo attraverso annunci e comunicati stampa di cui i camplesi possono fare a meno" conclude Adriani.
campli

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni