×

Avviso

Non ci sono cétégorie

L’attività dell’unità operativa di Cardiochirurgia sempre più orientata verso interventi biologicamente meno invasivi. Ci sono stati eventi emblematici in cui l’equipe di cardiochirurghi ha eseguito interventi complessi e innovativi, anche su pazienti anziani. Un esempio è il caso della signora C.W. di 83 anni, ricoverata per una patologia complessa che coinvolgeva l’aorta nella sua interezza. Data la fragilità della paziente, si è deciso di  trattare la signora con un approccio ibrido: nel primo step chirurgico è stata sostituita l’aorta ascendente e l’arco aortico con il reimpianto di tutte le arterie del collo; successivamente è stato escluso l’aneurisma della restante aorta toracica discendente con tecnica endovascolare. Le procedure sono state eseguite senza arresto di circolo o ipotermia, per migliorare il recupero: infatti, la signora è stata dimessa dopo appena due settimane ed è prossima a tornare al suo amato ballo liscio. E ancora, il signor F.B., 81 anni, affetto da aneurisma dell’aorta ascendente e stenosi valvolare aortica, a cui è stata sostituita per intero la porzione di valvola, bulbo aortico ed aorta ascendente attraverso una piccola ministernotomia di 7 centimetri, prima volta nella storia dell’ospedale Mazzini.

Visto che i cambiamenti si costruiscono nell’attività di routine, l’approccio mini-invasivo è divenuto la tecnica di scelta, nell’unità operativa complessa di Cardiochirurgia,  per il trattamento della patologia valvolare aortica in elezione: evitare il taglio completo dello sterno permette un risveglio precoce, un miglior controllo del dolore, una dinamica respiratoria più efficiente e una mobilizzazione più agevole.

Motore di questa innovazione è la l’integrazione tra le competenze del Dipartimento Cardiovascolare _ diretto da Cosimo Napoletano, che ha contribuito alla sua costante crescita _che negli ultimi mesi ha visto l’innesto di giovani e professionisti, capaci di affiancare e supportare al meglio quelli che da anni fanno la storia di questo centro. Il Dipartimento, assieme alle colonne portanti dell’unità di Cardioanestesia, Cardiochirurgia, Cardiologia, Emodinamica e Chirurgia Vascolare, ha avviato ormai da tempo un percorso di crescita collettiva per  offrire cure e trattamenti d’avanguardia.Cch.jpg

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni